Trasformare la paura in pace, l’incertezza in speranza

Nel bel mezzo della pandemia di COVID-19, Prison Fellowship della Repubblica Ceca sta lavorando ancora di più di prima

 Un aggiornamento
da Gabiela Kabátová e
lo staff di Prison Fellowship
Repubblica Ceca

Non temerai il terrore della notte, né la freccia che vola di giorno, né la peste che vaga nelle tenebre, né lo sterminio che devasta a mezzogiorno. Se dici «Sì, mio rifugio sei tu, o Signore!» tu hai fatto dell’Altissimo la tua dimora, non ti potrà colpire la sventura, nessun colpo cadrà sulla tua tenda. (Salmo 91: 5-6, 9-10)

Come il resto del mondo, anche noi stiamo affrontando delle sfide. Con la pandemia di COVID-19 nella Repubblica Ceca, le cose cambiano ogni giorno e noi dobbiamo adattarci velocemente – nelle nostre vite personali e nelle nostre famiglie, così come nel nostro ministero.

Eppure, nonostante tutto, siamo stati in grado di lavorare ancora più di prima, grazie all’enorme dedizione dei nostri lavoratori e volontari.

Dal momento in cui è stato vietato di entrare nelle carceri, abbiamo cominciato a contattarle chiedendo di cosa avessero bisogno. A causa di una importante mancanza di materiale di protezione, specialmente mascherine, abbiamo immediatamente contattato tutti i nostri lavoratori e volontari. Come ONG, siamo riusciti a comprare e spedire più di 1600 metri di tessuto per cucire nuove mascherine. Abbiamo anche fatto da mediatori per la consegna di quasi ulteriori 3000 metri di tessuto, fornito le carceri di sei macchine da cucire e 1400 saponette. Abbiamo inoltre raggruppato e spedito alle carceri più di 4000 riviste per i detenuti per svago.

Dal 16 Marzo, siamo riusciti a supportare le carceri con 410’000 CZK (equivalenti a 16’200 dollari americani) in totale. Tutti i nostri corrispondenti hanno aumentato le loro conversazioni via lettera con i detenuti, mandando parole di incoraggiamento e speranza.

Anche i nostri dipendenti e i volontari si sono uniti. Abbiamo dato il via all’attivazione dell’Associazione delle ONG della Repubblica Ceca coinvolte nel lavoro nelle carceri. Siamo stati i primi a reindirizzare le prospettive delle altre ONG dal completare i loro progetti al dare aiuto per ciò di cui c’è più bisogno ora negli istituti. Insieme alle altre ONG, abbiamo scritto un comunicato stampa ai membri del governo chiedendo di prendere decisioni appropriate per aiutare a fermare la diffusione del COVID-19 all’interno delle carceri. E, sempre con le altre ONG, abbiamo creato un servizio di assistenza telefonica, specialmente per il personale che sta preparando i detenuti ad essere rilasciati. Con quello che sta succedendo ora, uscire di prigione è anche più complicato di prima.

Siamo in contatto con le famiglie dei detenuti, offrendo supporto psicologico, spirituale e pratico in caso di bisogno. La situazione attuale è molto stressante per loro e più difficile che mai. Molte delle famiglie vivono in ostelli, dove l’infezione di diffonde velocemente. Le famiglie sono preoccupate per la vita dei loro cari in carcere.

Continuiamo a offrire aiuto con i programmi di supporto. Il nostro “Two Fishes” Club è il punto di riferimento in centro a Praga per le persone che sono appena uscite di prigione, e per altre persone che hanno bisogno di aiuto – inclusi molti senzatetto. Forniamo aiuto nelle strade perché non possiamo incontrarci in luoghi chiusi. Ogni cliente riceve una scatola con cibo e una mascherina, e gli viene chiedo di cos’altro hanno bisogno. I nostri volontari portano cibo ai nostri clienti con grande entusiasmo.

Dobbiamo essere molto creativi e reagire alle nuove sfide e bisogni in modo immediato. Con l’aiuto di Dio, stiamo trasformando la paura in pace, e l’incertezza in speranza per coloro che sono spesso ignorati, soprattutto in questi giorni.

Mentre preghiamo per coloro che aiutiamo, preghiamo anche per ciascuno di noi in questo lavoro – per avere forza, creatività, saggezza, chiarezza nel prendere decisioni, salute, e per una continua crescita e unità. Come affermato in Corinzi 15:58, “Perciò, fratelli miei carissimi, state saldi, irremovibili, abbondando del continuo nell’opera del Signore, sapendo che la vostra fatica non è vana nel Signore”.

Share This