Le meraviglie del Progetto Sicomoro

Sabato 2 dicembre giornata molto fredda a Torino, ma si ritorna lo stesso in carcere, dobbiamo andare a
trovare i nostri amici dei tre progetti sicomoro che abbiamo fatto quest’anno. Loro ci aspettano sanno che
saremmo venuti. Baci e abbracci sono quasi due mesi che non ci vediamo. Ci sediamo di nuovo in cerchio,
oramai l’impronta del progetto è rimasta, bisogna condividere i progressi. Parlano prima tutti loro, sentite
le meraviglie:

M. sto bene, molto bene adesso ho pure un lavoro da due mesi;

A. sono molto più tranquillo, voi non mi avete mai giudicato e io ho ripreso fiducia sono sicuro che quando
uscirò di qui ci saranno persone che non mi giudicheranno, adesso a colloquio abbraccio mia sorella, prima
non osavo farlo;

E. vedere 7 persone come voi che sono venute per otto settimane a trovarci e vi ritornano è qualcosa che
spacca il cuore. Il progetto sicomoro mi ha migliorato, adesso sono più riflessivo; proprio l’altro giorno mi
son detto caspita ma io ho solo 21 anni posso ancora realizzare tutti i miei progetti di vita;

G. bisogna pensare alle proprie azioni ogni giorno, non una sola volta quando fai il progetto, avere rispetto
per tutti. Se avessi avuto rispetto non sarei qui oggi. Il progetto mi ha indicato la strada da seguire e senza
sicuramente non sarei cambiato;

F. del progetto non cambierei nulla, proprio nulla. C’è già tutto, il confronto con le vittime, gli argomenti
trattati, l’amicizia, adesso siamo una comunità.

A. il mio è un miracolo, dopo 32 anni di varie situazioni che mi hanno allontanato dalla donna che ho
sempre amato adesso si è risolto tutto e lei sta venendo a trovarmi, a breve tornerò a casa e ricomincerò la
mia vita con lei accanto;

Dopo parlano anche le vittime che non vogliono assolutamente mancare a questi incontri:

E. qui ho trovato verità e umanità e gioisco delle cose che mi state dicendo, state facendo tante cose belle,
incominciando dalla scuola che frequentate;

A. voi siete i miei amici e a voi posso dire tutto, vi voglio raccontare ogni cosa sicura che mi capirete;

I. nel primo incontro di sicomoro non volevo venire qui, non volevo alzarmi neanche dal letto. Oggi alle 4
ero già sveglia avevo bisogno di vedervi e sapere come stavate.

Ma la festa continua, non ci vedremo prima di Natale e allora bibite e panettoni. Ci sono anche i regali,
restano a bocca aperta questo è troppo per chi ha il timore del giudizio, Aurora ha confezionato con l’aiuto
del sul nipotino Gabriele di soli 9 anni dei dolcetti, Gabriele ha scelto le decorazioni e la forma. Gli diamo
anche un alberello dorato con tutte le nostre firme.
Vincenzo, si alza cerca un foglio e scrive due righe di ringraziamento a Gabriele tutti gli altri sottoscrivono il
pensiero.

Prima di uscire passiamo anche al femminile, del progetto ne sono rimaste solo 4. Maria vuole
assolutamente dirci che il Sicomoro è stato dove ha partecipato veramente volentieri, ogni volta vi tornava
con maggiore gioia.

Si, nel Progetto Sicomoro c’è già tutto e non deve essere cambiato nulla, quel che è certo è che l’amore
spacca il cuore.
Buon Natale amici cari, a presto.
Arcangelo

Share This