Ci adattiamo per continuare con il nostro lavoro

 

Andrew Tay condivide il modo in cui Dio insegna a PF Singapore a considerare ciò che è essenziale e ciò che non lo è, nel loro ministero.

Di Andrew Tay, direttore esecutivo di Prison Fellowship Singapore

Molti di noi non hanno mai vissuto o fatto esperienza di una pandemia globale nelle proprie vita. Il momento che stiamo vivendo ci mette a dura prova. Molti paesi sono in lockdown, le visite in prigione sono quasi del tutto sospese e anche le visite alle famiglie da parte dei detenuti sono vietate.

Cos’altro possiamo fare in quanto persone coinvolte nel ministero del carcere durante questi tempi di prova? Come possiamo continuare a fare la differenza? E come possiamo continuare a coinvolgere i nostri volontari in modo che, quando si ritornerà alla normalità, siano pronti a continuare il loro ministero con coloro le cui vite sono state colpite dal crimine?

Qui in Prison Fellowship Singapore (PF Singapore), tutte le nostre sessioni di assistenza sono state annullate fino a nuovi aggiornamenti. Prima dell’inizio del lockdown, PF Singapore ha tenuto ogni settimana quasi 80 sessioni di servizio nella cappella, studi biblici e consulenza cristiana in carcere, coinvolgendo circa 300 volontari. Improvvisamente tutto è stato azzerato.

Pertanto, invece di chiedere ai volontari di predicare e insegnare di persona, PF Singapore ora pre-registra i sermoni ogni settimana e questi vengono visualizzati nei vari spazi dedicati. Ringraziamo Dio affinché i detenuti possano essere ancora nutriti dalla Parola di Dio. Preghiamo che lo Spirito Santo si muova e li tocchi mentre ascoltano le registrazioni dei sermoni e partecipano al culto settimanale.

Nell’assistenza familiare e post-riabilitativa, i nostri volontari non possono mettersi in contatto con i beneficiari al solito modo, dunque utilizzano piattaforme di meeting virtuale per raggiungere chi tra loro è più abile con la tecnologia. Per coloro che non lo sono, il buon vecchio telefono è per ora la scelta preferita.

Ai figli dei detenuti viene assegnato un volontario dedicato che li controlla regolarmente mentre le scuole di Singapore effettuano l’apprendimento domiciliare. I volontari si sdoppiano come tutor e aiutano questi bambini a tenere il passo dell’apprendimento. Una volta al mese, tutti i bambini a carico di PF Singapore saranno invitati a un incontro virtuale in cui il personale e i volontari li coinvolgeranno a un livello più sociale.

Per quanto riguarda i volontari, il nostro personale ha fatto uno sforzo per connettersi con loro tramite piattaforme virtuali per continuare a impegnarsi, incoraggiarsi e pregare con loro. La nostra preghiera e speranza è che i volontari mantengano alta la loro motivazione e siano pronti a servire una volta che potremo tornare a farlo.

Non è stato facile adattarsi rapidamente alla situazione in evoluzione di giorno in giorno. Ma Dio ci sta insegnando a considerare ciò che è essenziale e ciò che non lo è, nel nostro ministero. In questo modo, stiamo imparando a discernere la perfetta volontà di Dio per il ministero carcerario a Singapore.

“Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia per ricevere misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno” (Ebrei 4,16)

Share This